Chiffon cake

settembre 3, 2013 in Torte lievitate

Vi presento una delle torte lievitate che preferisco, la regina di tutte le basi da farcire e decorare ma anche un’ottima alternativa per la colazione o la merenda dei bambini, servita così, magari con una spolverata di zucchero a velo.

Per fare questa torta in teoria ci si dovrebbe munire di tortiera apposita in quanto la peculiarità di questo impasto è quello di diventare altissimo, ma in mancanza, si può utilizzare una normalissima tortiera.

Tutte le ricette che ho consultato raccomandano di non ungere la teglia e io ho diligentemente seguito questo consiglio, senza mai avere problemi a sformarla.

Le dosi che vi propongo vanno bene per una tortiera da chiffon cake, se usate una tortiera normale dovrete orientarvi per i 30 cm di diametro. In alternativa, se non prevedete di servire dolci ad una squadra di calcio, potete dimezzare le dosi e usare una tortiera da 24 cm.

Difficoltà: media

Tempo di esecuzione: 30 minuti più 1 ora di cottura in forno per teglia da 30 cm (per teglia da 24 cm/metà dose: 35 minuti)
Porzioni: 12
Attrezzatura necessaria: teglia da chiffon cake o tortiera rotonda da 30 cm di diametro, fruste elettriche, due ciotole

Ingredienti

Farina 00: gr 280
Zucchero: gr 280
Lievito per dolci: 2 cucchiaini da thè
Uova: 6
Olio di semi: ml 125
Acqua: ml 180
Cremor tartaro: 1 bustina da 8 gr
Aromi a piacere (buccia di arancia o limone, oppure essenza di vaniglia, mandorla, o ancora cannella o altre spezie)

Procedimento

Accendere il forno a 160°.

Separare i tuorli dagli albumi in due terrine (foto 1), quella che ospita i rossi dovrebbe essere piuttosto capiente. Aggiungere lo zucchero ai tuorli e setacciare la farina con il lievito (foto 2, foto 3). Aggiungere l’olio, l’acqua e infine l’aroma prescelto (foto 4). Mescolare con le fruste elettriche (foto 5).

Versare la bustina di cremor tartaro sugli albumi (foto 6). Lavare accuratamente le fruste e montare gli albumi a neve fermissima (foto 7).

Versare un primo cucchiaio di albume montato nel composto di farina e tuorli, per “rompere l’impasto” mescolando (foto 8). Aggiungere il resto dell’albume, qualche cucchiaio alla volta, avendo cura di amalgamare delicatamente con un movimento circolare del cucchiaio, dal basso verso l’alto.

Versare il composto nella tortiera (foto 9) e cuocere in forno a 160° per 50 minuti, più altri 10 a 175° (se doveste optare per mezza dose in tortiera da 24 cm, i tempi di cottura andranno così rivisti: 30 minuti a 160° e 5 minuti a 175°).

Sfornare e appoggiare la teglia al contrario (foto 10, foto 11) – se usate la tortiera da chiffon cake, potete capovolgerla utilizzando una bottiglia come supporto, altrimenti sono sufficienti due oggetti come due libri spessi o due pentole alte uguali, su cui appoggiare i bordi della tortiera. Questa operazione serve per non fare abbassare la torta sotto il proprio peso durante il raffreddamento.

Quando la torta sarà intiepidita, voltare la teglia e, aiutandovi con una spatola sottile o un coltello, staccate bene i bordi. Capovolgete su un piatto (foto 12), dando qualche colpetto per fare staccare la torta dal forno. Lasciate raffreddare completamente.

Cospargere con zucchero a velo oppure farcire a piacere e servire.