Panna cotta con gelatina di fragole

aprile 25, 2012 in Dolci al cucchiaio, Frutti di bosco, Primo piano

Con l’arrivo della bella stagione viene voglia di portare in tavola dolci dal gusto leggero e che, possibilmente, contengano della frutta.

Questa panna cotta soddisfa entrambi i requisiti, offrendo un gusto leggero al palato e un apporto calorico ridotto dalla presenza di molta frutta. Inoltre, trovo che sia un dolce particolarmente gradevole alla vista.

Tempo di esecuzione: 20 minuti più i tempi necessari al raffreddamento dei due composti
Porzioni: 6 
Attrezzatura necessaria: 6 formine da creme caramel, un paio di ciotole e un paio di pentole e un colino

Ingredienti

Fragole mature e saporite: 500 gr
Panna liquida: 500 ml
Vaniglia in stecche: 1 stecca
Gelatina in fogli: 12 gr
Zucchero: 120 gr

Procedimento

Eliminare la parte verde delle fragole, lavare, tagliarle a pezzetti e frullarle fino ad ottenere una purea omogenea (foto 1, foto 2). Passare il composto attraverso un colino a maglia non troppo fine, per eliminare i semi (foto 3). Mettere a bagno 6 gr di gelatina in acqua fredda (foto 4). Mettere la purea di fragole in un pentolino (da 500 gr di fragole acquistate si dovrebbe ottenere circa 350 gr di purea) insieme a 50 gr di zucchero (foto 5) e scaldare mescolando spesso. Quando il composto raggiunge l”ebollizione, abbassare la fiamma, strizzare la gelatina con le mani e scioglierla nelle fragole, mescolando bene (foto 6, foto 7). Spegnere il fuoco, filtrare attraverso colino per eliminare la schiuma ed eventuali residui di gelatina, e dividere il composto in 6 formine da creme caramel (foto 8, foto 9). Sistemare le formine su una superficie piatta (tagliere, piatto da portata) e mettere in frigo per circa un’ora – per velocizzare si può riporre in freezer per una decina di minuti – fino a quando la gelatina di fragole si sarà solidificata.

Versare la panna in un pentolino, aggiungere la stecca di vaniglia tagliata in 3 pezzi e 70 gr di zucchero (foto 10) e mettere a bagno il restante della gelatina in acqua fredda. Mescolare di frequente mentre la panna raggiunge l’ebollizione, poi strizzare la gelatina e scoglierla mescolando bene (foto 11, foto 12). Spegnere il fuoco e fare raffreddare mescolando spesso per evitare che si formi una patina spessa sulla superficie. Quando la panna è tiepida, dividere la panna nelle formine (foto 13) facendola passare attraverso un colino e mettere in frigo per un paio d’ore.

Per servire, passare per pochi secondi la base della formina sotto l’acqua calda, poi passare la punta di un coltello per staccare la superficie della panna dalla formina e girare sul piatto di servizio, dando qualche colpetto alla formina per fare uscire il dolce (foto 14). Se la superficie della gelatina si fosse troppo ammorbidita a causa del passaggio sotto l’acqua calda, rimettere in frigo per una decina di minuti e poi servire.