Tiramisù

gennaio 7, 2012 in Dolci al cucchiaio, Primo piano

Questo post è dedicato ad un classico, uno dei dolci italiani più conosciuti ma al contempo anche quello di cui esistono più versioni, alcune anche un pò deludenti.

Io ne ho personalmente assaggiate e preparate diverse, ma quando ho provato questa, non l’ho più abbandonata. La particolarità sta in alcune piccole modifiche alla ricetta originale che la rendono veramente deliziosa e ingannevolmente leggera al palato (le calorie qui ci sono eccome!).

La prima modifica sta nel ridurre al minimo la quantità di zucchero (appena 40 gr), usando quello a velo invece del semolato, ottenendo una crema più soffice e spumosa. La seconda, è l’aggiunta di una piccola quantità di liquore Tia Maria al caffè usato per bagnare i biscotti.

Inoltre,  bisogna fare attenzione a non mettere a mollo nel caffè i savoiardi, come spesso si vede fare nei molti video presenti sul web, ma passarli appena nel liquido, in maniera che poi  mantengano una forma all’interno del dolce, senza spappolarsi.

Questa ricetta risponde in pieno ad uno dei criteri a parer mio fondamentali: la ripetibilità. Potrete fare mille volte questo Tiramisù e mille volte otterrete un delizioso risultato!

Tempo di preparazione: 45 minuti circa + almeno 3 ore in frigo
Porzioni: 8-10

Ingredienti:

Mascarpone 500 gr
Uova 3
Zucchero a velo 6 cucchiaini colmi – circa 40 gr
Caffé non zuccherato 7 tazzine colme
Savoiardi 400 gr
Tia Maria 1 tazzina da caffè

Procedimento:

Per prima cosa preparate il caffè, in maniera che abbia il tempo di raffreddarsi, e mettetelo in un contenitore largo, per esempio una pirofila o uno di quei contenitori di alluminio usa e getta (foto 1). L’idea è che la quantità di caffè sul fondo non sia più alta di un dito. Aggiungete il Tia Maria secondo gusto, una tazzina da caffè per quanto mi riguarda è sufficiente.

Poi preparate la crema montando i rossi – tenete i bianchi da parte – (foto 2) e lo zucchero in una terrina, fino ad ottenere un composto spumoso (foto 3). L’ideale è uno sbattitore elettrico, ma lo potrete fare anche a mano con una frusta, anche se il passaggio successivo è un pò faticoso.
Procedete aggiungendo il mascarpone (foto 4), amalgamandolo per bene al composto (foto 5).  In ultimo, aggiungete i bianchi montati a neve fermissima (foto 6). La maniera migliore per evitare che si smontino quando li incorporate, è quella di aggiungere un primo cucchiaio al composto di mascarpone (foto 7), per “rompere” l’impasto più consistente, e poi aggiungere il resto in piccole quantità (foto 8), usando un grosso cucchiaio (NON usate attrezzi elettrici per questo passaggio), con un movimento circolare dal basso verso l’alto che aiuta l’aria a rimanere intrappolata nella crema, rendendola spumosa (foto 10).

Appena la crema è pronta, preparare la pirofila che ospiterà il Tiramisù (questa quantità basta per un contenitore delle dimensioni di 18 cm x 26 cm circa, avanzerete qualche savoiardo) spargendo un sottile strato di crema sul fondo (foto 11). Procedete passando molto rapidamente i savoiardi, uno alla volta, nel caffé, non lasciando indugiare il biscotto nel liquido ma semplicemente passandolo rapidamente da un lato e dall’altro. Posizionate nella pirofila fino a riempimento (foto 12), poi aggiungete metà della crema (foto 13). Per il secondo strato procedete come per il primo (foto 14), terminando con tutta la crema avanzata (foto 15). Coprite con pellicola “tesa” in maniera che non rimanga incollata sulla superficie (foto 16) e riponete in frigo per almeno qualche ora prima di servire.

Al momento di andare in tavola, preparate le porzioni, personalmente amo usare un taglia pasta circolare di 8 cm di diametro, che andà passato in acqua tiepida (foto 17)  fra una porzione e l’altra, e spolverate la fetta di abbondante cacao amaro solo una volta messa sul piatto. Per rendere il tutto più scenografico si possono aggiungere dei trucioli di cioccolata amaro (foto 20).

Galleria foto: